Ecologia e bio-edilizia: La Filosofia FLORIAN

Il legno, al contrario del 99% dei materiali usati in edilizia, è un materiale VIVO che resta vivo anche dopo l’applicazione nelle nostre case. Il legno respira e ha una sua gamma di colori che cambiano a seconda della luce o dell’ambiente in cui viene utilizzato. La bellezza del legno sta nel fatto che ogni elemento di questo materiale é unico e irripetibile per forma e per disegno.

Il legno assorbe l’umidità eccessiva dell’aria e la rilascia quando l’aria è secca. Questo processo equilibra l’aria dell’ambiente in cui viviamo. Oltre a stabilizzare l’umidità, respira e quindi contribuisce alla ventilazione, è un materiale caldo, quindi porta calore ad un ambiente e nel calcolo della superficie radiante per il riscaldamento di un ambiente non avremo un materiale in più da scaldare. In più è fonoassorbente e la sua struttura influisce (non è un conduttore) positivamente nella schermatura di campi elettromagnetici.

  • IL LEGNO è l’unico materiale che l’uomo può disporre attivandosi per produrne dell’altro.
  • IL LEGNO si ripianta e con qualche decina d’anni si può riavere il potenziale tagliato.
  • IL LEGNO viene tagliato, portato nelle segherie per essere tagliato a misura, ma non necessita di nessun altro trattamento e/o trasformazione chimica che lo renda diverso da come si trova in natura.
  • IL LEGNO è riciclabile e anche se non viene riutilizzato non inquina l’ambiente.

La coscienza per l’ ecologia maturata dalla Florian Parchetti si traduce in scelte concrete e trasparenti. Le essenze legnose impiegate provengono esclusivamente da foreste di coltivazione, contro un apolitica di disboscamento indiscriminato. Le tavole sono lavorate in modo da non rilasciare sostanze tossiche quali fenolo o formaldeide, dannosi per l’apparato respiratorio sia in fase di lavorazione del legno che a pavimento posato. Anche le vernici impiegate in superficie sono rigorasamente atossiche. Il pavimento si può veramente vivere senza rischi di allergie o di irritazioni, soprattutto per i soggetti più esposti, come i bambini.